home kuthuma@kuthumadierks.com
_ Home
Iside e i suoi amanti
News
Operatività
ERKS
Rubriche (Archivio)
Links
__________________
Visite:

versione stampabile

Il Fratello di mio Nonno che un dý fu portato in Cielo.
(terza puntata)

(20/10/2008)

Untitled Document

- continua dal numero prrecedente -

“ I giorni volarono ed anche le notti, Franco non stava più nella pelle. A volte era taciturno, altre era allegro ed altre ancora addirittura gioioso. L’appetito non gli mancava e mangiava tutto quello che la mamma gli cucinava.

Una sera, la famiglia al completo era attorno al tavolo, mi ricordo che mangiammo “pane cotto”, che l’ arte della mamma trasformava in una pietanza sublime, un pizzico di pepe, un po’ d’aglio, rosmarino, peperoncino ed il cibo degli Dei era servito ! “.


“ Mio padre ruppe il silenzio : “Domani è luna piena ! Il giorno stabilito è arrivato “.

Ci fu un attimo di silenzio, tutti noi smettemmo pure di mangiare e posammo gli occhi su Franco che con aria distratta mangiava tranquillamente.

Quel silenzio fu spezzato dal pianto della mamma che fra i singhiozzi disse :
“ Non ti vedremo più…..mai più…”.
“ Ma dai,mamma…non è la fine,non piangere più..non piangere…”.
“ Che tu vada non si sa dove,bè…credo sia un buon motivo per far piangere una madre, non trovi ? “ disse la mamma soffocando i singhiozzi “ forse non ti vedremo più..” .

Allora le due sorelle si alzarono ed accompagnarono mamma nella sua camera da letto.

Di lì a poco il suo pianto solista si tramutò in un trio, fino a quando la porta si chiuse facendo trapelare solo qualche fioco lamento.

“ Quella sera era di passaggio da noi l’altro fratello, fermatosi a salutare la famiglia.”
“ Chi,Orazio,il prete ? “.
“ Sì,proprio lui. Quando gli accennammo di Franco,del suo incontro con gli extraterrestri, del loro invito a partire,andò su tutte le furie gridando :
“ No,nooo….è opera del diavolo ! Ma come hai fatto a cascarci ? “.
“ Ma che diavolo e diavolo ! “ ribattè mio padre “ ancora con queste idiozie..”.
“ Sì,è il diavolo che con la sua astuzia inganna gli ingenui come Franco,facendo credere di essere un altro ed invece…è sempre lui, l’ingannatore, il tentatore.”.
“ Ci risiamo “ pensai io.

Era un momento particolare e quasi paradossale.

Da una parte Orazio, quasi un fanatico inquisitore, dall’altra l’essere più spirituale e libero che abbia mai conosciuto.

Papà era dalla parte di Franco, mamma appoggiava Orazio ma in quel momento la mamma non c’era e così lui era solo.

Quando si calmarono le acque Orazio tirò fuori una boccetta e rivolgendosi a Franco gli disse : “Questa è acqua santa,te la do,così quando ti apparirà quell’orribile Creatura gliela butterai addosso, se scomparirà in una nuvola di fumo e zolfo è lui Satanasso in persona ! Allora scappa a perdifiato e non ti voltare mai “.

Gli diede la boccetta dicendo : “ Buona notte,domani devo partire all’alba,pregherò per te e per la tua anima. Io ti salverò dal Maligno….” E strisciando la sottana sparì.

Quando se ne andò un’ondata di aria fresca riempì la stanza. Papà, Franco ed io parlammo quasi fino a mezzanotte, dopo di che ci ritirammo nelle nostre camere.
La sveglia suonò prestissimo e ci alzammo tutti. Dopo un po’ la colazione era pronta ed in silenzio, senza pronunciare una parola bevemmo il “mate cocido” con leche, pane tostato, burro e marmellata. Una delle sorelle ci avvisò che era arrivata una macchina a prendere Orazio. Questi si raccomandò a Franco dicendogli : “ Ricordati dell’acqua santa ? “.

Salutò tutti noi e la sua macchina partì lasciandosi dietro un polverone che si diradò solo dopo qualche minuto.Le sue ultime parole furono per Franco :“ Pregherò per la tua anima…”.
“ Meno male che quell’uccello del malaugurio se n’è andato “ dissi tra me e me.
“ Non capisco perché vede tutto negativo, come se solo lui avesse ragione, giudica e pontifica sugli altri come fossero tutti una massa di stupidi..ma guarda che peso morto per la famiglia ! Proprio a noi doveva capitare…”.
“ Che cosa stai blaterando “ chiese Franco con un sorriso.
“ Niente,niente,lascia perdere….”.
“ Franco “ disse una delle sorelle “ papà ti aspetta per tagliarti i capelli,dai vieni “.

Così si sedette e papà gli tagliò i capelli con la macchinetta. Quando finì, per terra era coperto di capelli, il cranio di Franco era bianco lucido e contrastava con il resto del suo corpo che esposto al sole era molto più scuro.
“ Grazie,papà… “ disse Franco, mentre l’altra sorella lo venne a prendere perché la tinozza per fare il bagno era pronta e fumante. La mamma con tanto amore aveva riscaldato l’acqua. Così Franchino fu lasciato solo,si spogliò immergendosi nella tinozza.

“Accidenti, è caldissima “ disse mentre con un salto si tirò fuori da quell’inferno.

Dopo pian pianino si immerse nuovamente e restò ammollo per una mezz’oretta, mentre la mamma per due, tre volte gli scaricò addosso secchiate d’acqua calda.
“ Mamma,basta ! E’ sufficiente,dai portami l’asciugamani “.
“ Quando Franco finì “ continuò il nonno “ si scaricò addosso un profumo che si chiamava “ Cuero de Rusia “, ioè Cuoio di Russia, che puzzava terribilmente, ma per lo meno teneva lontane le mosche. Si vestì con cura indossando abiti nuovi, dal pantalone alla camicia, calze e scarpe acquistate nei grandi “ Almacenes Melania “ dove si poteva acquistare di tutto, dal vestito della festa alla sella in cuoio,dal petrolio per le lampade alle gallette. Quando ebbe finito di vestirsi come un figurino, si raccolse in meditazione come faceva spesso,e stette un paio d’ore in uno stato di assenza.

Forse, pensai, si metteva in contatto con quella “gente”. Quando uscì era quasi mezzogiorno e la tavola era già imbandita a festa. Addirittura la più piccola delle sorelle andò a raccogliere fiori di campagna per abbellire la tavola, mentre io pompai l’acqua per molto tempo fino a quando uscì fresca e pulita. Quando mi avvicinai a Franco gli dissi : “ Ma non ti vorrai sposare ? Puzzi come le vecchie sorelle farmaciste “ Erano due gemelle zitelle di una certa età. Si tingevano di biondo i capelli, il che di quei tempi era un caso raro e per l’appunto profumavano tanto che quando con papà si andava a comprare qualche medicina quell’olezzo ti si appiciccava addosso per tutto il giorno.

Franco rise felice per la mia innocente osservazione e mi invitò a sedere a tavola accanto a lui.

“ Nonno “ lo interruppi “ sai, ti invidio un po’ per quella bellissima vita e per le esperienze che hai vissuto. Adesso è tutto diverso, tutto così serio. La gente non ride mai, i bambini giocano di meno e passano quasi tutto il giorno a casa come reclusi.
Hai visto quanti bambini grassi che ci stanno in giro ? Che tristezza ! “.
“ Eh,te lo dicevo che i tempi sono cambiati ed in peggio “ ribattè il nonno con enfasi.
“ Vuoi sapere il menu di quel giorno? Sai,la mamma si fece in quattro per prepararlo già dal giorno prima.”
“ Si,dai, lo voglio sapere…”.
“ In quelle occasioni di festa,il primo piatto era brodo di pollo seguito dai ravioli fatti dalla mamma il giorno prima,ripieni di verdura e ricotta,cotti e conditi col ragù nel quale si cuoceva il pollo. Sai qual’era la parte che mi piaceva di più ?
Ti sorprenderai, perché al giorno d’oggi si buttano via….le zampe ! Ti dirò come le preparavano.

Si prendevano le zampe del pollo, si tagliavano le unghie, poi la prima pelle, si pulivano gli intestini con la forbice e si lavavano per bene. Allora si otteneva un paio di metri di questo budello che si attorcigliavanto tra le zampe. Erano di una bontà senza fine….” E dopo un po’ “ E chi ne ha mangiato più ? “.

“ Quell’ultimo pranzo con Franco fu spettacolare. Ricordo che stava seduto su una sedia più alta del solito e quando papà propose un brindisi per Franco, anch’io potei bere un bicchiere di vino rosso marca “Toro” e mi prese una tale sbornia che caddi fragorosamente dalla sedia fra le risate di tutti. “

“ Nel pomeriggio andammo tutti a fare la siesta, anche quell’abitudine era un fatto naturale, perché era il momento più caldo di quelle giornate estive. Così quando ci alzammo già cominciava a soffiare una bella aria fresca.

Allora si faceva il mate e si passava volta per volta,c ominciando dai grandi per finire con me. Generalmente noi lo facevamo con un pizzico di caffè e zucchero e si succhiava dalla cannuccia metallica fino al rumore che ci avvertiva che il liquido era finito ! Bene,quel “ mate” veniva chiamato “ mate de gringo “.

Il momento magico di quello strano appuntamento si avvicinava inesorabilmente.
Così, prima del calar del sole, tutta la famiglia si incamminò verso il luogo dell’appuntamento.
Attraversammo la campagna, il boschetto e ci fermammo al limitar del bosco. All’orizzonte si vedeva immensa la luna.

Allora Franco parlò :
“ Adesso ci saluteremo “ e rivolto a mamma, papà ed alle sorelle “ Voi aspetterete qui, non muovetevi e non parlate, io andrò avanti e mi accompagnerà solo Antonio. Quando partirò, tornerà indietro e tutti insieme andrete a casa “.

Salutò tutti con lunghissimi abbracci e li rassicurò dicendo : “ Appena mi sarà possibile, vi darò mie notizie, non preoccupatevi, io veglierò su di voi, in un modo o nell’altro…”.
E si allontanò, tenendomi per mano per un centinaio di metri fino ad una quercia carbonizzata da un fulmine, che segnava il luogo dell’incontro.
Il cielo era trapuntato dei stelle e la luna saliva in alto nel suo lento spostamento verso lo zenit. Franco alzò le braccia al cielo ed iniziò a cantare una cantilena dal le parole incomprensibili. La sua voce baritonale risuonava in mezzo a quella vallata.

Ad un certo punto notammo nel cielo come delle piccolissime stelle, che si muovevano con una coreografia intelligente intorno ad una luce centrale grande come Venere e molto luminosa.
“ Franco,vedi quelle stelle,si muovono….”.
“ Sì…sono loro….”.

Sembrava che giocassero a rincorrersi e pian piano si avvicinavano sempre di più.
Allora Franco estrasse da una tasca un pacchettino avvolto in una pelle di daino e me lo diede dicendo : “ Questo è il mio diario, tienilo caro, perché dentro c’è il risultato delle mie ricerche Alchemiche ed il resoconto di tutti gli incontri avuti con
i nostri fratelli del cielo sino ad oggi. Molte cose non le capirai subito, ma sono certo che quando sarai un uomo ti sarà molto utile. Cerca di comportarti bene e soprattutto non credere mai a nulla che tu non possa verificare di persona. Rispetta mamma e papà e cerca sempre la verità e la giustizia ! “.

Di colpo la valle si riempì di profumo d’incenso che si tramutò in geranio, e si udì un crepitio dappertutto.
“ Stanno per atterrare “ disse Franco emozionato. Mi abbracciò e baciò più volte, e poi mi chiese di allontanarmi di qualche passo mentre in cielo quella luce centrale si avvicinava sempre più, diventando grandissima.
Dalla mia posizione vidi la figura di mio fratello immersa nella luce potentissima della grande astronave che stava a mezz’aria, quasi galleggiando, ad una ventina di metri d’altezza. Franco fece il saluto universale da loro insegnatogli,c on la mano sinistra verso il cielo e la destra lungo il corpo con la palma rivolta verso la terra ed aspettò. Sentii una fortissima energia magnetica, i capelli mi si drizzarono in testa ed un ronzio mi fece vibrare come una campana.

Sentii la voce di Franco ripetere parole a me ignote, mentre dal punto centrale dell’astronave una potente luce a forma di tubo scese fino a terra. Da lì scese un essere di pura luce, che irradiava tutt’intorno.
Sembrava un piccolo sole che scivolava giù dentro quella colonna vuota. Quando toccò terra si rivelò un gigante di quattro metri d’altezza, al cui confronto Franco sembrava un nano. Ma l’essere, orse comprendendo il disagio di Franchino, si ridusse alla sua dimensione umana e gli parlò. Io sentivo le sue parole risuonare nella mia testa.

“ Awa è il mio nome, figliolo. Sono venuto per portarti con me. Questo chiedesti, questo volevi, stare vicino a noi. La sola legge, la legge delle stelle. Io sono il tuo padre gerarchico, della Gerarchia Celeste. Figlio Onorato, ti invito ad unirti a me. Vivrai la tua vita nel Servizio, nella Luce e nella Gioia. Mai ti fermeranno le difficoltà umane, dicesti e così fu.

Prendi la mia mano che emana luce e possa toccare il tuo essere ed il tuo cuore.

AWA AMANI ANA ANTI ANTARES. Oprameni, s’ ,così ti conobbi figlio e d’ora in poi ti avrò al mio fianco.

Lascia le redini della materia terrena e ricorderai il nostro linguaggio. Sii benedetto, alla fine ci siamo ricongiunti. ANA AMANI,
abbracciami e vieni con me ! “.
“ E li vidi entrambi salire per quel tubo ed il mio tenero cuore trasalì dall’emozione del momento e piansi, non saprò mai se per la gioia od il dolore di vedere andare via mio fratello. Mentre osservavo il risucchiare del tubo di luce, l’astronave si trasformò per le alte frequenze in una immensa palla di luce arancione ed in una manciata di secondi partì a razzo verso l’infinità del cielo.

Quando tornai dai miei, tutti piangemmo io compreso. Così,bagnando la terra che
calpestavamo con le nostre lacrime, tornammo mestamente a casa.

* * * *

Il giorno seguente,mentre mi trovavo ancora sotto l’effetto di quella storia così emozionante, domandai al nonno, mentre sedeva sotto il sole, assaporando un toscano puzzolente : “ Nonno, dopo che Franco partì,n on si seppe più nulla di lui?“.
Con indifferenza rispose : “ Franco, che Franco ? “.
“ Tuo fratello maggiore ! “.
“ Quale fratello ? Io sono figlio unico ! “ e cominciò a ridere a crepapelle.
“ Ma…e la storia ? “.
“ Quale storia ? “.
Eravamo di nuovo allo stesso punto, così era fatto mio nonno Antonio, un po’ pazzo ma sempre simpatico e giocherellone.

Aggiunse solo :“ Và a giocare e lasciami in pace con i miei ricordi, mentre mi godo il fumo di questo sigaro…..”.

 

FINE


************************

 
Alfredo Di Prinzio

Tutti gli articoli presenti sul sito sono liberamente scaricabili e riproducibili in qualunque forma.
Si richiede solamente di citarne la fonte.